martedì, luglio 31, 2012

In scena "Don Chisciotte" Ad interpretare la versione piu' celebre e acclamata del balletto ispirato a Cervantes, quella del coreografo Marius Petipa

Giovedì 2 agosto, a Loano, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, alle ore 21.00, nell’ambito della rassegna di balletto, promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dalla I.So. Theatre, andrà in scena “Don Chisciotte”.
Ad interpretare la versione più celebre e acclamata del balletto ispirato a Cervantes, quella del coreografo Marius Petipa sulla musica di Léon Minkus, sarà la Compagnia del Balletto Russo di Anna Ivanova con i solisti Anna Ivanova e Alikin Aleksander.
Don Chisciotte, un eccentrico gentiluomo di campagna, si ritiene legittimo successore dei cavalieri erranti medievali, sui quali ha letto moltissimo, forse troppo. Ormai sogna soltanto la sua nobile dama Dulcinea, per la quale combatterà le sue battaglie. I suoi sogni sono però bruscamente interrotti dal suo vicino Sancho Panza, che sta fuggendo dopo aver rubato un pollo, inseguito da alcune serve. Don Chisciotte lo nomina immediatamente suo scudiero e insieme a lui parte per avventure cavalleresche di guerra e amore.
Le pittoresche scenografie del Balletto Russo di Anna Ivanova e i costumi ispirati al folklore iberico, rendono ancor più classico un balletto tardo-romantico basato sull'elegante tecnica accademica, cui si affiancano danze di carattere ispirate al folklore iberico, la tradizionale presenza dell'atto bianco con il sogno di Don Chisciotte e l'atto finale dedicato al puro divertissement che contiene il celebre pirotecnico passo a due. L'episodio dell'amore contrastato tra Basilio e Quiteria (Kitri), tratto dal Don Chisciotte, è la base su cui si sviluppa la coreografia fornendo così lo sfondo pittoresco ed esotico caro al pubblico dell'epoca e di oggi.
Il Teatro del Balletto Russo si basa sulle tradizioni della scuola del balletto classico russo. Il repertorio comprende i migliori balletti classici come: "Il lago dei cigni", "La Bella Addormentata", "Lo Schiaccianoci", "Giselle", "Romeo e Giulietta", "Don Chisciotte" e un insieme di concerti di gala. Questi capolavori del balletto hanno gran successo a lungo termine con il pubblico sia in Russia che all'estero. Molti ballerini del teatro sono vincitori di concorsi internazionali e premi prestigiosi in Russia e all’estero. Tutti i danzatori che compongono il Balletto Russo si distinguono per l'elevata professionalità e per genio artistico, arte ed espressività. Il Balletto Russo partecipa i a vari festival di danza e ha un grande successo di pubblico.
Tutti i costumi e le scenografie sono create appositamente, sulla base dei canoni artistici del Grande Teatro Imperiale Russo. Le coreografie e le scenografie rispettano le regole tecniche e grafiche della classica produzioni di Petipa. I coreografi e i ballerini si ispirano ai migliori maestri russi: MTSemenova, ML Jacobson, LI Semenyaka. I successi del Balletto Russo sono il frutto dell'impegno minuzioso e artistico delle migliori tradizioni della Scuola di Ballo Russo a Mosca.

Spettacolo Pinocchio con la Compagnia del Teatrino dell'Erba Matta e gli Scirvan

“Loano a misura di famiglia”, promosso dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano, propone Mercoledì 1 agosto, alle ore 21.00, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, lo spettacolo Pinocchio con la Compagnia del Teatrino dell’Erba Matta e gli Scirvan.
Lo spettacolo porta in scena uno dei racconti più significativi dell'ottocento: Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi.
Tutto inizia con un pezzo di legno, che grazie alla maestria di un falegname, Geppetto, diventa un burattino capace di muoversi, pensare, agire.
Questo piccolo pezzo di legno parlante vivrà un susseguirsi di incontri (il grillo parlante, la fata turchina, mangiafuoco, Lucignolo) e di scontri (i carabinieri, il gatto e la volpe, l'omino di burro, il domatore).
Alcuni personaggi della fiaba, Mangiafuoco, il domatore, il carabiniere, sono interpretati con l'utilizzo di maschere realizzate dal maestro Cesare Guidotti, altri, come Pinocchio, Lucignolo, la Fata Turchina sono pupazzi costruiti con diverse tecniche tra cui il legno e il lattice.
Un'altra tecnica presente nello spettacolo è quella del teatro delle ombre che permette di rinchiudere la storia, in una cornice magica e surreale, presente per tutta la durata dello spettacolo.
Elemento portante dello spettacolo è la musica, suonata ed interpretata dal vivo. Le musiche originali sono state realizzate da Marco Massola e Daniele Debernardi, arrangiante ed eseguite dal gruppo Scirvan.
I cinque musicisti condurranno il pubblico all'interno della storia: dall'incontro con Geppetto, fino dentro alla pancia del pescecane passando per il paese dei balocchi.
La musica inoltre sarà protagonista nei passaggi tra il dentro e il fuori, tra il chiaro e lo scuro, tra la notte e il giorno.
I costumi e le scenografie sono state realizzate ispirandosi al grande disegnatore Mussino.
I colori caldi del sole, del giorno, dell'amore si alternano ai colori freddi del buio, del mare, della notte in un alternarsi continuo che ricorda una partitura musicale, ricca di accenti, pause e abbellimenti.
L’ingresso è gratuito.

Maniaci d'Amore al teatro Salvini di Pieve di Teco

I Maniaci d’Amore, nuovo fenomeno del teatro italiano, tornano in Liguria dopo la felicissima esperienza allo Spazio Vuoto di Imperia nell’aprile scorso. Giovedì 2 agosto al Teatro Salvini di Pieve di Teco porteranno in scena lo spettacolo “Il nostro amore schifo”.
La serata sarà preziosa occasione per vedere Luciana Maniaci e Francesco d’Amore, giovani drammaturghi e interpreti delle loro pièce, in quello che è diventato ormai un “cult” indiscusso a livello nazionale.
Il resto lo farà una location davvero straordinaria, come il Salvini.
“Il nostro amore schifo” è un composto di comicità, cinismo e puro surrealismo, un’indagine semiseria sul sentimento intricato della gioventù, sezionato e fatto a pezzi da due figli del nostro tempo, ingenui e al tempo stesso spietati.
E’ una storia di non-amore durata decenni e condensata nel giro di un’ora, tra apici sublimi e biechi deragliamenti, nel tentativo di comporre la guida illustrata della prima esperienza sentimentale, letta come tragicomico rito di passaggio che tocca a tutti, prima di consacrarsi alla tiepidezza dell’età adulta.
Lo spettacolo, curato da Nidodiragno Produzioni/Cooperativa CMC, è realizzato grazie all’appoggio della Provincia di Imperia.
Per assistere alla pièce è sufficiente presentarsi al botteghino la sera della replica (inizio ore 21.30) oppure prenotare telefonicamente al 0184/544633. Biglietto di ingresso a otto euro.

Ass. Vecchia Albenga: Giovedì 2 Agosto "Tombolata per tutti"

“Tombolata pertutti a costo zero”. È questo il titolo dell’iniziativa organizzatadalla Associazione Vecchia Albenga, con la collaborazione ed il patrocinio delComune di Albenga, Giovedì 2 Agosto alle ore 21.00 in Piazza IV Novembre.
Come per le precedentiedizioni, con il titolo “I Nipoti…Accompagnano i Nonni a Giocare aTombola”, anche quest’anno l’evento sarà del tutto gratuito.
“Non ci sarannopremi strepitosi”, dichiarano gli organizzatori, “ma offriremo lapossibilità di trascorrere una serata di socializzazione insieme, con un giocodi tanti anni fa”.

Albenga, Mercoledì 1 Agosto la prima edizione del festival MAURISTOCK

Si scaldano i motori perl’attesa prima edizione del “MauriStock”, festival rock pergruppi emergenti organizzato dal Mauri’s Pub di Viale VIII Marzo adAlbenga, con la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Albenga.
“Il MauriStock saràpiù di un momento fissato nel tempo”, spiegano gli organizzatori,“vogliamo che sia una data Zero, un festival Rock che cambierà il nostromodo di vedere la musica contemporanea, uno scambio di espressione culturaledove finalmente alcuni gruppi di Giovani Talenti potranno esprimersi in tutto eper tutto per ciò che sentono, che sono, che vogliono trasmettere”.
A salire sul palco per ilprimo MauriStock, rivisitazione di Woodstock in salsa albenganese, il grupporock London Pride, il rock elettronico di Park Assist, l’hard rock/metaldi BlackLoud e le cover blues di Quei figli di…Blues. Come daregolamento, solo, rigorosamente, inediti. “Al MauriStock sconvolgiamo leregole”, affermano gli organizzatori, “vogliamo Solo Inediti,perché vogliamo ascoltare cosa di nuovo si può creare, che emozioni nuove cipossono arrivare, vogliamo dare una chance a chi ci mette l’anima nellamusica che scrive e suona”.
Concerti al via alle ore 21.30. Prima della musica, ilMauri’s Pub ospiterà alcuni giochi a squadre “OlympicMauriStock” 2012, apartire dalle 19.00, conin palio dei buoni benzina. Per tutta la durata dell’evento, sarannoserviti ai partecipanti birra a fiumi, panini con salamella e patatine fritte.

Alessandro Meoni è il campione della prestigiosa tappa di Sanremo

Dopo 5 giorni intensi che hanno visto sfidarsi 375 giocatori per un montepremi complessivo di € 727.500, l’ambita Picca e la ricca prima moneta da € 180.000 dell’ IPT di Sanremo di PokerStars.it vanno ad Alessandro Meoni, 29enne pratese grinder su PokerStars.it con il nickname "Cippino1".
Il final table, disputato ieri nelle prestigiose sale del Casinò di Sanremo, ha avuto due fasi molto differenti: la prima caratterizzata da giocate rapide ed eliminazioni repentine e la seconda scandita da ritmi più lenti e lunghi tempi di studio tra i players. Protagonisti indiscussi del tavolo finale i due toscani Alessandro Meoni e Raffaele Bertolucci, che mandano a casa gli avversari uno dopo l’altro per ritrovarsi infine faccia a faccia nell’heads up finale.
Il testa a testa finale inizia con Alessandro Meoni in leggero vantaggio di chips: 5,2 milioni contro i 4,5 milioni di Bertolucci che in breve colma il gap e si porta in vantaggio grazie ad un gioco più aggressivo. I colpi di scena non mancano, con Meoni che ribalta la situazione e raddoppia le sue chips, grazie ad una coppia di JJ che si concretizza in un full grazie alle community cards. Dopo un’altra ora di gioco, Meoni si laurea vincitore: a lui i € 180.000 del primo premio e la grande soddisfazione di essersi aggiudicato una delle tappe più prestigiose dell’Italian Poker Tour.
Di seguito il riepilogo del pay out finale:
1) Alessandro Meoni (ITA) € 180.000
2) Raffaele Bertolucci (ITA) € 115.000
3) Julien Norbert Dolay (FRA) € 71.500
4) Nicolò Allisiardi (ITA) € 53.500
5) Andrea Dato (ITA) € 36.000
6) Omar Rodriguez (SPA) € 29.000
7) Johnatan Maisonneuve (FRA) € 21.000
8) Giuseppe Zarbo (ITA) € 14.000
Tutti gli appassionati di poker hanno seguito la diretta del final table in diretta streaming su www.pokerstarsipt.it, sui siti partner www.gazzetta.it, www.sportmediaset.it e in diretta TV su POKERItalia24.
Le numerose iscrizioni confermano il gradimento dei pokeristi verso il Casinò e la città. Già il Mini Ipt aveva registrato nei giorni scorsi l’adesione record di 441 giocatori, che vanno a sommarsi ai 375 attuali, un flusso di visitatori che ha interessato non solo le sale da gioco ma anche le strutture turistico-commerciali cittadine. Per dieci giorni più di 800 players, provenienti da Cina, Russia, Francia, Germania, Malta, solo per citare alcuni Paesi, hanno vissuto e vivono l’euforia dei tornei, delle spiagge e dei locali sanremesi.

PERCORSI SONORI: ''UN ARCO... UN PIANOFORTE​'' - 2 AGOSTO


Giovedì 2 agosto alle ore 21,30, presso i Chiostri di Santa Caterina a Finalborgo, si terrà il quarto concerto della rassegna “Un arco…e un pianoforte”, che fa parte dei Percorsi Sonori la stagione musicale della città di Finale Ligure.
Sarà protagonista il Duo formatodalla giovane violinista Maristella Patuzzi e dal pianista Mario Patuzzi; padre e figlia uniti oltre che dallo straordinario talento musicale da una cifra stilistica e interpretativa di eccezionale carica espressiva. Maristella ha manifestato sin da bambina uno straordinario talento musicale diplomandosi brillantemente al Conservatorio di Milano, alla Bloomington University e al Conservatorio della Svizzera Italiana. La vittoria a numerosi concorsi le ha aperto le porte a una promettente carriera concertistica. Recente è stata la sua apparizione anche nell’ambito del Progetto Martha Argerich.
Mario Patuzzi si è diplomato al Conservatorio di Trento. Dopo essersi laureato in diversi concorsi, ha vinto nel 1977 a Monaco il concorso internazionale indetto dalla Radio Bavarese. Svolge attività concertistica in Europa, America e Giappone. E` titolare di una cattedra di pianoforte al Conservatorio di Milano e tiene corsi di perfezionamento a Trento, Piacenza e Tokyo.
Il programma del concerto comprende alcune delle opere più rappresentative della letteratura per i due strumenti: la Sonata op.30 n. 3 di Beethoven, le funamboliche Variazioni di Paganini sul tema “Nel cor più non mi sento” dall’opera “ La Molinara” di Paisiello, la maestosa Sonata in re minore op. 108 di Johannes Brahms, capolavoro della musica tardo-romantica. La serata si concluderà sulle note della Tzigane di Ravel, celebre pagina nella quale il compositore coniuga scoperti virtuosismi e languida sentimentalità tipici del folclore tzigano.
L’ingresso è libero ma non consentito durante l’esecuzione musicale.

“IL TARTUFO” DI MOLIÈRE, CON FRANCO OPPINI E CORINNE CLERY, IL 3 E IL 4 AGOSTO AL FESTIVAL DI BORGIO VEREZZI


Franco Oppini, Corinne Clery, Domenico Pantano, Miriam Mesturino e Antonio Tallura sono gli interpreti di “Il Tartufo (o l’impostore)” di Molière, lo spettacolo che andrà in scena in prima nazionale venerdì 3 agosto, per la regia di Giovanni Anfuso, al 46° Festival Teatrale di Borgio Verezzi (piazza Sant’Agostino, ore 21,30, replica sabato 4 agosto).
Tartufo è un ipocrita e un impostore che si è introdotto in casa di Orgon fingendosi devoto e affezionato. La considerazione di Orgon per lui è tale da promettergli in sposa la figlia Mariane e da nominarlo erede di ogni sua sostanza. Tartufo, amato da Orgon e dalla madre di lui, Madame Pernelle, è invece inviso al resto della famiglia, composta dalla moglie di Orgon, Elmire, dai due figli, Damis e Mariane, e dal cognato Clèante. Gli altri personaggi della commedia sono Dorine, la confidente di Mariane, e Valère, il fidanzato di Mariane.

RELAZIONE ARTISTICA DI GIOVANNI ANFUSO

Chi non ha incontrato cento volte un Tartufo per le scale di casa, nelle riunioni, nelle scuole, in parlamento, in chiesa, in biblioteca? Tartufo è ormai sinonimo di ipocrisia e di falsità; così come lo ha descritto il suo autore: Molière.
Solo lo scrittore che era riuscito a mettere in ridicolo il formalismo di una cultura pretenziosa e barocca, poteva smascherare la nauseante ipocrisia del costume clericale. Ma si trattò di combattere una vera guerra, lunga e difficile dopo che il 12 maggio 1664, in occasione di una delle grandiose feste date da Luigi XIV a Versailles, venne messa in scena per la prima volta quella sagace satira sul tema dell’ipocrisia.
Lo sdegno e la sollevazione negli ambienti tipici del cicisbeismo non tardarono a farsi sentire e la commedia venne interdetta. Scriveva allora Molière: “Gli ipocriti non hanno voluto saperne di scherzi; si sono subito inalberati e hanno trovato ben strano che io avessi l’ardire di imitare le loro smorfie e di volere screditare una professione esercitata da tanti galantuomini…”.
Costoro erano molto più potenti dei “marchesini”, delle “preziose”, dei cornuti e dei medicaciucci, i quali avevano sopportato di buona grazia d’essere messi in commedia, anzi finirono per divertirsi alla loro stessa caricatura. Ma gli ipocriti non ammettevano certi scherzi. Rimasero indignati e sorpresi da tanto ardimento. E i tanti “galantuomini” con in testa la Regina madre e l’Arcivescovo di Parigi, formarono una imponente coalizione contro Molière. La guerra andò oltre la sua morte, quando ci volle l’intervento del Re per farlo seppellire in terra consacrata.
Dopo il solenne divieto, Molière, non si diede per vinto. Morta la madre del Re nel ’66, tentò di rappresentare l’opera col titolo L’Impostore (5 Agosto ’67). Il protagonista vi appariva con un altro nome e non più con abito ecclesiastico, ma come uomo di mondo con la gorgiera e la spada. Ma i Tartufi della vita insorsero e “gli originali fecero sopprimere la copia”. L’Arcivescovo giunse perfino a comminare l’interdizione agli attori, agli spettatori e ai lettori dell’opera.
Questo settario gesto di autorità dovette indispettire il Re, impegnato nella sua prima campagna di conquista, e renderlo più sensibile a Molière che, tra un inchino e l’altro, minacciava Sua Maestà “di non scrivere più commedie, visto che i Tartufi l’avevano avuta vinta”. Il Re, tornato a Parigi con gli allori del suo primo trionfo militare, volle dare un segno di magnanima onnipotenza, concedendo il permesso di rappresentazione (5 Febbraio ’69).
L’opera ebbe decine di repliche: un successo senza precedenti. E Molière si disobbligava sciogliendo nell’ultimo atto un inno al Re Sole, arbitro sommo e moderato regolatore di tutti gli eventi, anche quelli della famiglia di Orgone, vittima delle furfanterie del Tartufo.
Molta acqua è passata sotto i ponti da allora, ed è ovvio che la commedia di Molière oggi si trascrive da sé in un'altra chiave. Ogni volta che gli ipocriti parlano di Cielo e sublimano in un principio di autorità e infallibilità tutto ciò che deve rimanere nell’ambito umano, sotto il controllo della critica e della ragione, questa commedia si carica di nuovo del più profondo significato. Per smascherare i Tartufi e liberare i loro succubi dovunque l’incontriamo, la nostra coscienza democratica non può aspettare che un principe illuminato venga a recidere i nodi fraudolenti o fugare le tenebre dell’impostura. Da quando il principio della sovranità popolare ha sostituito la monarchia di diritto divino, la discrezione, la capacità di vedere giusto, di non lasciarsi sorprendere in buona fede, la razionale fermezza nel rifiutare ogni estremismo non sono più appannaggio dei monarchi.
Al mito del Re Sole si va sostituendo la realtà di una luce equamente diffusa in tutte le coscienze degli uomini liberi. I quali per definizione sono coloro che non si lasciano tartufare.
A vestire i panni di Orgon sarà Franco Oppini, mentre Corinne Clery sarà Elmire, sua moglie, Domenico Pantano il Tartufo, Miriam Mesturino Dorine e Antonio Tallura Clèante. Gli altri ruoli sono affidati a Paola Giannetti (Madame Pernelle), Massimo Avella (Damis), Giorgia Guerra (Mariane), Davide Paciolla (Valère) e Gianluca delle Fontane (Loyale, sergente - Flipote, serva di Madame Pernelle - Lourent, attendente di Tartufo - Merluche, servo di casa).
Le scene sono di Alessandro Chiti, i costumi di Cabiria D’Agostino, le musiche originali di Luciano Francisci e Stefano Conti, le coreografie di Barbara Cacciato.
Dopo Borgio Verezzi lo spettacolo sarà replicato al Festival gemellato di Palinuro.

Silvia Felisetti protagonista di “Restauro in Festival” a Lingueglietta

Giovedì 2 agosto con lo spettacolo “Profumo di Violetta”
Continua la seconda edizione del Festival del Restauro di Lingueglietta organizzata dal Comune di Cipressa in collaborazione con il gruppo di lavoro di Pepi Morgia e l'Associazione Culturale Corelli di Fabio Rinaudo.
La serata di giovedì 2 agosto, “Profumo di Violetta”, è dedicata al salotto musicale ottocentesco con particolare attenzione alla figura della donna.
Lo spettacolo avrà come protagonisti il soprano Silvia Felisetti, una tra le più acclamate e richieste voci nel panorama dell’operetta, e l’arpista Davide Burani, tra i migliori interpreti italiani dello strumento.
“Voce e arpa – spiegano gli organizzatori – sono due strumenti particolarmente associati alla pratica della musica da parte delle fanciulle della nobiltà e della buona borghesia ottocentesca”.
L’ultimo spettacolo in programma (10 agosto) sarà la pièce teatrale “Mauro Garibaldino per caso”. Protagonisti l’attore Mauro Pirovano e il gruppo musicale dei Liguriani, con la regia ed il testo di Gian Carlo Ragni. Uno spettacolo ironico e brillante, che ricostruisce la storia del Risorgimento attraverso i racconti di un uomo qualunque, testimone involontario della campagna dei Mille e dello sbarco in Sicilia delle truppe garibaldine.
L’autore e regista Ragni sarà presente allo spettacolo e, durante l’introduzione, spiegherà al pubblico il processo di scrittura del testo teatrale che è stato realizzato integrando una “fiction” all’interno di una cornice storica ricostruita attraverso un meticoloso studio delle fonti e il recupero di avvenimenti locali, inseriti anch’essi nello spettacolo. Con l’attore Mauro Pirovano (premio Gilberto Govi 2008) sarà presente il gruppo I Liguriani, una tra le più importanti formazioni attive nel campo della musica tradizionale italiana. I Liguriani hanno realizzato un cd che ha riscosso grandi consensi da parte della stampa internazionale e hanno eseguito concerti in alcuni tra i più prestigiosi festival europei (Celtic Connections a Glasgow, Rheingau Festival in Germania).
Infine, la kermesse terminerà il 17 agosto con il ”Il Gattopardo”, proiezione del film di Luchino Visconti nella versione recentemente restaurata.
Tutti gli eventi, ad ingresso libero, si svolgono presso la Chiesa Fortezza di S. Pietro, monumento simbolo del borgo di Lingueglietta.
Questa seconda edizione, organizzata dal Comune di Cipressa, è dedicata al recente restauro della pellicola del film “Il Gattopardo” di Luchino Visconti tratto dall’omonimo romanzo di Tomasi di Lampedusa.

È uscito il romanzo “Dieci anni” di Valerio Pappi Il sopruso della pedofilia in ambienti ecclesiastici e la colpa della vendetta in un thriller...

Un thriller mozzafiato che affronta con coraggio il tema attuale e scottante della pedofilia negli ambienti ecclesiastici. Un ragazzino di dieci anni cela nel silenzio i segni di un sopruso che a poco a poco lo sprofonda in un abisso di odio. Il ricordo di quel giorno in canonica brucia mai sopito e il desiderio di vendetta lo porterà, qualche decennio più tardi, a imbastire una trama lucidissima e spietata. Ma come un cerchio perfetto, la colpa di un torto subito e restituito ricade sul figlio, che si affaccia gioioso e indifeso sulla soglia dei dieci anni.
A dieci anni il mondo è ancora una promessa, un regalo da scartare. Soprattutto il giorno del proprio compleanno, seduti con papà davanti a una pizza e una gigantesca meringa con le candeline.
Ma per Luca non ci sono promesse, solo l’esplosione improvvisa di un finestrino d’automobile e quel proiettile che forse non era per lui. Poi la corsa in ospedale e i lunghi giorni su quel letto al confine della vita, interminabili ore scandite soltanto dalle parole del padre. Il peso dei ricordi è insostenibile e il sopruso subìto tanti anni prima diviene colpa presente, Inferno da scontare in terra, adesso, soli con la propria coscienza. Un thriller mozzafiato che dosa sapientemente azione e sentimento, sviscerando nel profondo temi attuali e scottanti. I protagonisti si muovono alla ricerca di una giustizia che non c’è, spinti dal desiderio di superare un male insanabile: com’è possibile, infatti, superare quel dramma? Com’è possibile dimenticare quel giovane sacerdote nel buio pesante della canonica, quando la giovinezza era appena iniziata? In un rincorrersi senza senso i dieci anni del padre rivivranno nei dieci anni del figlio, come la maledizione di un incubo lasciato a metà che ritorna dal passato per esigere un perfetto compimento.
Valerio Pappi è nato a Massa Fiscaglia (Ferrara) il 22 gennaio 1967. Ha svolto l’attività di chitarrista e compositore jazz, continuando a lavorare nel settore chimico. Accantonata per motivi personali l’attività concertistica, frequenta la facoltà di musicologia presso l’Università di Cremona dove si sta per laureare. Le sue prime esperienze di scrittura risalgono alle scuole medie, con una personale rivisitazione del romanzo Viaggio al centro della terra e diversi racconti gialli. Da allora ha sempre continuato a scrivere ottenendo diverse proposte di pubblicazione mai accettate. Con Dieci anni ha vinto la V ed. del Premio Letterario Giovane Holden.

lunedì, luglio 30, 2012

Infrastrutture, assessore Paita: “Piste ciclabili liguri nelle reti Ten - T. In progettazione altri 84 chilometri"

Un logo per valorizzare la rete delle piste ciclabili che si estende per tutta la Liguria e testimoniare la sua importanza anche in vista del loro inserimento nelle reti europee Ten-T, le reti di trasporto trans europee. "È stato adottato dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alle infrastrutture, Raffaella Paita, insieme ai criteri per la scelta dei materiali con i quali devono essere costruite le piste. L'analisi condotta dall'assessorato alle infrastrutture ha evidenziato 876 chilometri di piste ciclabili lungo tutto l'arco ligure, di cui 85 già realizzati come piste ciclabili, altri 464 km sono percorsi naturali su strade secondarie a basso traffico che non hanno bisogno di alcuna infrastrutturazione, ma solo di segnaletica e di promozione, 84 km sono in progettazione, 6,5 in corso di realizzazione e i rimanenti 237 km sono percorsi lungo i quali dovranno essere realizzate nuove piste ciclabili.
"Siamo una regione – spiega l'assessore Paita – con una forte disponibilità di percorsi ciclabili sul mare, una rete che ci rende un'eccellenza a livello europeo. Per questo abbiamo voluto fare il punto sull'esistente e individuare lo scenario anche futuro dei percorsi ciclabili che sarà contraddistinto da un marchio esclusivo già approvato e da una segnaletica omogenea, perché sia riconoscibile e ci caratterizzi".
"Le piste ciclabili – conclude l'assessore regionale al turismo Angelo Berlangieri – sono una risorsa rilevante dal punto di vista turistico, ambientale e sportivo che privilegia la scoperta dei territori con mezzi ecologici e questo ci permette di inserire la nostra regione a pieno titolo nelle reti sovra regionali ed europee di BicItalia e EuroVelo relative alla percorribilità ciclistica". "L'importanza delle piste ciclabili in Liguria – conclude Paita – è testimoniata anche da un importante riconoscimento, il prossimo inserimento nelle reti europee Ten-T".

Roberto NEGRO, il Magistrato Anna CANEPA e la MOSCABIANCABand ai Giardini Hanbury

Proseguono a Ventimiglia, ad ingresso libero, gli incontri d’autore e le presentazioni letterarie organizzate per questa estate dall’Associazione Culturale LIBER THEATRUM, in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Ventimiglia, grazie anche alla sensibilità della Commissione Straaordinaria.
Dopo Gianfelice FACCHETTI (PREMIO Bancarella Sport con il suo “Se no che gente saremmo”) e Marco BUTICCHI (secondo classificato al Premio Bancarella con “La voce del destino”) grande attesa per mercoledì 1 agosto - con inizio fissato alle ore 21.00 nella splendida cornice dei Giardini Hanbury nell’accogliente spazio della Villa - per una nuova tappa del piccolo tour di presentazioni dedicate all’ultimo libro di Roberto NEGRO. La nuova indagine per il Commissario Scichilone ha un titolo assolutamente intrigante: “Oltre la giustizia”, come sempre per Frilli Editori. L’ultima fatica letteraria dell’ex Ispettore di polizia (prima a Ventimiglia, poi a Sanremo) sarà accompagnata, come di consueto, da buona musica e da ospiti di eccezione.
L’incontro sarà ancora una volta curato e condotto da Diego Marangon e vedrà come ospite, accanto all’autore, la Dott.ssa Anna Canepa, Magistrato della Direzione Nazionale Antimafia (che ha anche firmato la prefazione al libro) conosciutissima e molto legata a Ventimiglia, perché qui ha vissuto per molti anni e studiato prima dell’università. Molto attesi anche gli interventi musicali della MOSCABIANCABand, sempre ospite fissa da qualche anno delle presentazioni di Roberto Negro, che presenteranno originali rivisitazioni jazz e blues dedicate a Vinicio Capossela e Paolo Conte.
Da ormai qualche anno Responsabile della sicurezza presso il Casinò di Sanremo, Negro non ha perso l’ispirazione e la voglia di indagare, letterariamente parlando, nel mondo delinquenziale della nostra zona, anzi avventurandosi, in questa occasione, nell’analisi degli aspetti psicologici e più nascosti che accompagnano i protagonisti degli episodi di cronaca nera e giudiziaria. Il Commissario Scichilone, questa volta quasi coprotagonista della vicenda, si troverà coinvolto e risucchiato in una indagine di efferata violenza familiare, dove la vendetta e il senso di giustizia si mescoleranno e contamineranno in un cocktail dai risvolti amari. Tutti i personaggi dell’indagine dovranno fare i conti con la realtà dei fatti ma, anche e soprattutto, con l’aspetto umano ed emotivo della vicenda. Ancora una volta Negro offre lo spunto per incuriosire il lettore, regalando una storia dagli intrecci inesplorati, nascosti e inattesi, senza dimenticare gli “ingredienti” tipici dei suoi libri, legati all’ambientazione nei luoghi della nostra Riviera di Ponente.
Con «Oltre la giustizia» le indagini letterarie del Commissario Scichilone, siciliano di origine, ma ormai ligure ponentino di adozione raggiungono il ragguardevole numero di otto, a conferma del successo, del gradimento dei lettori e dell’apprezzamento per l’autore, astigiano di nascita, ma ormai anche lui sempre più ligure di adozione.
INGRESSO LIBERO

PREMIO LETTERARIO CITTA' DI VENTIMIGLIA

Martedì 31 luglio alle 21.15 presso la Civica Biblioteca Aprosiana, Chiostro di Sant’Agostino Via Cavour a Ventimiglia, si svolgerà la premiazione e presentazione del Romanzo vincitore del Premio Letterario 'Città di Ventimiglia' edizione 2012

Venerdì 3 agosto Vittorio Sgarbi sarà la sorpresa di Caffè Venezuela 2012

Il grande critico e polemista arriverà sul palcoscenico di Piazza Borea d’Olmo, venerdì prossimo, 3 agosto, per presentare il suo libro “L’arte è contemporanea” edito da Bompiani.
Una occasione preziosa per avvicinare la parola di un oratore mai scontato che può anche dividere il pubblico, ma sempre e comunque grande comunicatore e certamente capace di suscitare interesse attorno alla sua figura.
La presentazione del suo libro conduce sui percorsi dell’arte di cui riesce a trasmettere come pochi altri il senso profondo ed autentico.
L’incontro con Sgarbi, che come tutti gli appuntamenti di Caffè Venezuela, è a ingresso gratuito e sarà introdotto dalla critica d’arte Giorgia Cassini, originaria di Sanremo ed oggi attiva in campo nazionale.
Caffè Venezuela, inserito nel programma ufficiale del Comune di Sanremo Assessorato al Turismo, e curato dalla Cooperativa CMC, proseguirà poi con Paola Maugeri il cui incontro è stato spostato per motivi personali a domenica 5 agosto, con inizio alle 21.30.
Verrà presentato in questa circostanza il libro “La mia via ad impatto zero”, racconto della sua esperienza di sei mesi a consumo zero e alimentazione 100% biologica.

Tanti applausi per Anita Caprioli a Villa Nobel

E’ stato un folto pubblico quello che ha applaudito Anita Caprioli nel recital di ieri a Villa Nobel, confermata stupenda location di eventi artistici e culturali.
L’attrice che ha legato il suo nome a registi come Gabriele Salvatores, Giuliano Montaldo e Marco Ponti, ha portato in scena la particolare rilettura di Ali Smith della celebre tragedia di Sofocle de “L’Antigone” accompagnata dal musicista e cantante Didie Caria per la regia di Roberto Tarasco.
Notevoli sono stati i riscontri di uno spettacolo che ha saputo dare nuova linfa, attraverso un intreccio di musica e parole ad un testo di grande attualità, storia di emancipazione femminile ancora ben viva nel terzo millennio.
Anita è stata bravissima a rendere la trama che propone una inedita prospettiva, quella dei corvi che si nutrono dei morti, autentici osservatori di un intreccio familiare segnato da crudeltà e da un finale cruento e senza appello.
L’evento era organizzato da Nidodiragno/Cooperativa CMC per le direzione di Angelo Giacobbe che, in seguito, porterà in giro per l’Italia questo lavoro, atteso mercoledì prossimo al Festival Mix di Cortona, successivamente alla rassegna Astrarte nelle miniere della Sardegna e, ancora, al vero debutto nel prestigioso ciclo di teatro classico all’Olimpico di Vicenza.
La realizzazione dello spettacolo è stata possibile attraverso la disponibilità della Provincia di Imperia che ha concesso la location, del Comune di Sanremo e di una serie di sponsor privati che a vario modo hanno sostenuto l’iniziativa: Conad City di Corso Cavallotti 161, Nolo Bici & Rent, L’Abito Elegante di Oriana Ragazzo, Victory Morgana Bay, Grand Hotel de Londres, Pico de Gallo, Tipografia Artestampa.

Domani, martedì 31 luglio, i Blaemon chiudono “Art in the Casbah”

“Art in the Casbah” chiude domani sera, martedì 31 luglio, con il live dei Blaemon, band tributo alla storica formazione dei Globin. La terza e conclusiva serata dell'edizione 2012 vede, quindi, salire sul palco delle terrazze di San Costanzo il quartetto ligure specializzato nel riproporre colonne sonore di film dark-horror, sia nazionali, a partire dalle pellicole di Dario Argento che internazionali.
La loro performance, sempre a ingresso gratuito come tutte quelle della rassegna, segna l'epilogo di Art in the Casbah, il contenitore di quattro serate di eventi e concerti che ormai per tradizione fa da apripista al successivo Rock in the Casbah. Da mercoledì 1° agosto al via la rassegna rock principale che culminerà sabato con gli attesi Zen Circus.
Anche per la serata dei Blaemon il ruolo di cerimoniere sarà ricoperto da Radio Mandrake (alias Simone Parisi), dj e la voce ufficiale della rassegna curata da Fare Musica, mentre le proiezioni nell’anfiteatro naturale di San Costanzo saranno come sempre curate dalla Visual art di Danilo Bestagno per Zero Academy.

Capitaneria di Porto: concluso il terzo ed ultimo turno del "Campogiovani 2012”

Si è concluso la scorsa settimana, nella sede della Capitaneria di Porto di Catania, il 3° ed ultimo turno del "Campogiovani 2012" della Guardia Costiera.
L'iniziativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, alla quale ha aderito - per il quarto anno consecutivo - il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, consiste nell'organizzazione di "campi" della durata di una settimana, a favore di giovani di età compresa tra i 15 ed i 22 anni, reclutati sulla base del merito scolastico-universitario e finalizzati alla promozione della cultura della protezione dell'ambiente marino e della sicurezza nella navigazione.
Sei giovani (3 ragazzi e 3 ragazze), dopo il benvenuto dell'Ammiraglio Domenico De Michele, Comandante della Capitaneria di Porto di Catania (foto), hanno immediatamente iniziato le attività previste, sia a terra che a bordo delle Unità Navali, distinguendosi immediatamente per impegno ed entusiasmo.
Proprio quest'ultimo gruppo ha partecipato attivamente, nel corso di una uscita in mare, al recupero di un grosso tronco d'albero alla deriva, particolarmente pericoloso per la navigazione.
Nel corso della settimana sono state effettuate visite guidate presso strutture portuali e la vicina Base Aeromobili della Guardia Costiera, nonchè lezioni sulle tecniche di salvamento in mare.
Nel corso dell'edizione 2012 del "campogiovani", la Capitaneria etnea ha complessivamnte ospitato 17 giovani, in tre turni.
Nella foto, insieme all'Ammiraglio Domenico De Michele, al Comandante Roberto D'Arrigo ed al Maresciallo Paolo Sivillica, i partecipanti al 3° turno : Bruno Conte, Martina Tardanico, Kevin Ciaccio, Manola Olivadese, Giovanni Petirro e Deborah Garro.

DONA UN LIBRO ALLA BIBLIOTECA DELLA TUA CITTÀ

Torna l’iniziativa per l’estate delle librerie Giunti al Punto: quest’anno dal 1° al 31 agosto
portiamo i libri nelle biblioteche di tutta Italia
Anche quest’anno, e per il terzo anno consecutivo, le librerie Giunti al Punto lanciano la campagna estiva per sensibilizzare tutte le persone che entrano in libreria a donare un libro ad associazioni, enti, ospedali e a tutti quei luoghi in cui è utile far arrivare i libri. L’iniziativa del prossimo agosto, Dona un libro alla biblioteca della tua città, ha l’obiettivo di arricchire con nuovi volumi le biblioteche, sottolineando l’importanza del loro ruolo come centri propulsori di cultura, spazi di aggregazione e integrazione sociale sul territorio.
La campagna di quest’anno segue quella del 2011 In ospedale c’è un bambino che… grazie alla quale sono stati donati, in un solo mese, ben 113.885 libri ai reparti pediatrici degli ospedali italiani, e quella del 2010 Regala un libro all’Aquila con cui sono stati raccolti 37.420 libri per la ricostruzione delle biblioteche della città distrutte dal sisma del 2009.
“Mai come quest’anno – afferma Jacopo Gori, direttore generale di Giunti al Punto – la nostra catena di librerie sente l’importanza dell’iniziativa che proponiamo in agosto da tre anni a questa parte. In un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, ritengo doveroso promuovere iniziative che contribuiscano in modo concreto alla formazione sociale e culturale del nostro paese, portando il maggior numero di libri in luoghi come le biblioteche e gli ospedali pediatrici”.
Dal 1° al 31 agosto, nelle 164 librerie Giunti al Punto di tutta Italia, sarà dunque possibile acquistare un libro – con sconto del 15% per chi aderisce all’iniziativa - da donare alle biblioteche del nostro paese, con la possibilità di personalizzare la donazione scrivendo una dedica sull’apposito adesivo fornito dalle librerie.
La libreria Giunti al Punto di Sanremo ha come biblioteca di riferimento la BIBLIOTECA CIVICA “DOTT. FRANCESCO CORRADI”: in questo modo ogni cliente può acquistare uno o più libri che entrano a far parte del patrimonio bibliografico della Biblioteca di Sanremo, che da parte sua invita ad una visita chi dona i libri.

CONSEGNATO A LUCA LAZZARESCHI IL PREMIO VERETIUM PER LA PROSA

E’ stato consegnato ieri sera, domenica 29 luglio, nell’ambito della quarantaseiesima edizione del Festival teatrale di Borgio Verezzi (Savona), il 42° Premio Veretium – F.lli Orsero per la prosa a Luca Lazzareschi.
La cerimonia si è svolta in piazza Sant’Agostino, prima del debutto nazionale dello spettacolo “Boeing Boeing” di Marc Camoletti, interpretato da Gianluca Guidi, Gianluca Ramazzotti, Ariella Reggio, Barbara Snellenburg, Marjo Berasategui e Ela Weber, per la regia di Mark Schneider sulla regia originale di Matthew Warchus.
Il Veretium è stato conferito a Lazzareschi da una giuria di critici teatrali – composta da Carlo Maria Pensa, Enrico Groppali, Magda Poli, Domenico Rigotti, Pierantonio Zannoni e Silvana Zanovello – “per aver dato voce ad un personaggio emblematico come Herzen in “La sponda dell’utopia” di Tom Stoppard messo in scena dal Teatro Stabile di Torino e dal Teatro di Roma, e per il carattere elusivo e malinconico dell’autistico di “Rain Man” finalmente recuperato alla vita”.
A consegnare il premio, che consiste in una riproduzione dell’antico mulino fenicio tutt’ora visibile sul crinale della collina di Verezzi, sono stati il critico teatrale Enrico Groppali e il sindaco di Borgio Verezzi, Renato Dacquino.
Alla serata erano presenti i direttori artistici di tre fra i più importanti ed antichi festival teatrali estivi italiani: Giulio Baffi (Benevento Città Spettacolo, giunto alle 33.a edizione), presente come co-produttore di "Boeing Boeing", che andrà in scena a Benevento in settembre, Luca Lazzareschi, il premiato, il quale dirige La Versiliana (33 edizioni) e, ovviamente, Stefano Delfino (46° Festival Borgio Verezzi), che ha fatto gli onori di casa e commenta: "Un incontro che, chissà, potrebbe aprire nuove e ulteriori prospettive di collaborazione in futuro, quanto mai opportune in un periodo irto di difficoltà come l'attuale".

“ABBRACCIAMO L’OSPEDALE” Martedì 31 Luglio la grande manifestazione in difesa dell’Ospedale di Albenga

Oltre ventitré Sindaci, con fascia tricolore e gonfalone del Comune. Il Presidente della Provincia di Savona. Centinaia di amministratori, tra consiglieri regionali, provinciali, comunali. Centinaia di associazioni di volontariato, culturali, sportive provenienti da tutto il territorio. Migliaia di cittadini. Sono questi gli impressionanti numeri di “Abbracciamo l’Ospedale!”, grande manifestazione organizzata dal Distretto Socio Sanitario n. 4 Albenganese e dalla P.A. Croce Bianca di Albenga in difesa dell’Ospedale Santa Maria di Misericordia, che si terrà la sera di Martedì 31 Luglio.
Una iniziativa alla quale hanno aderito i comuni di Albenga, Alassio, Andora, Arnasco, Casanova Lerrone, Castelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Ceriale, Cisano sul Neva, Erli, Garlenda, Laigueglia, Nasino, Onzo, Ortovero, Stellanello, Testico, Vendone, Villanova d’Albenga, Zuccarello, ed alla quale prenderanno parte anche i comuni di Alto, Caprauna e Cerisola, oltre a numerosissime associazioni di volontariato, culturali, sportive. “Difendi il tuo diritto alla salute, difendi il tuo Ospedale di Albenga”, si legge sul manifesto da settimane in distribuzione da settimane per tutto il comprensorio albenganese, “senza Pronto Soccorso…si può morire”.
“Il Pronto Soccorso di Albenga”, prosegue il manifesto “è 30 mila prestazioni all’anno per oltre 60 mila persone residenti nel nostro Distretto Socio Sanitario, oltre agli abitanti della Valle Arroscia, Neva, Pennavaire, Lerrone e Merula ed ai 115.000 turisti che arrivano ogni anno”. “Senza il Pronto Soccorso di Albenga”, si legge ancora, “20 km di tragitto in più al vicino Ospedale con PS, 60 Ambulanze e mezzi di soccorso a sirene spiegate nel tragitto stradale Albenga-Pietra Ligure con autostrade e strade intasate nel fine settimana di festa, non solo d’estate”.
È prevista una eccezionale affluenza. Tutti coloro provenienti da fuori Albenga saranno invitati a lasciare le auto nei parcheggi all'ingresso della Città per non intasare le strade attorno all'area del raduno: oltre ai posti auto cittadini saranno disponibili anche il parcheggio dello Stadio Comunale “Annibale Riva”, della Pretura, del campo sportivo del Sacro Cuore; per coloro in arrivo dalla strada proveniente da Alassio, si consiglia di posteggiare la propria vettura nel quartiere di Vadino. Prima della partenza del corteo, tutti i rappresentanti di associazioni e gruppi sono invitati a comunicare il nome dell'associazione alla segreteria della P.A. Croce Bianca di Albenga; il corteo, sorto come manifestazione spontanea di cittadini, non consentirà la presenza di slogan, stendardi e bandiere simbolo di partiti o movimenti politici. Potranno invece essere portati tutti gli stendardi, gonfaloni e bandiere dei comuni, di associazioni culturali, sportive, onlus, confraternite, pubbliche assistenze, RSU lavoratori dell'Ospedale. Tutti gli striscioni che saranno portati durante il corteo dovranno necessariamente ricevere il benestare del Comitato Organizzatore presso la P.A. Croce Bianca.
La manifestazione pacifica partirà da Piazza Petrarca (Piazza della Croce Bianca) e da Piazza del Popolo ad Albenga alle ore 20.00. Sono previsti interventi del Presidente della P.A. Croce Bianca Dino Ardoino, del Presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza, del Presidente del Distretto Socio Sanitario e Sindaco di Albenga Rosy Guarnieri, e di Mons. Giorgio Brancaleoni, Vicario Generale della Diocesi di Albenga-Imperia. da qui si dirigerà in Viale Martiri della Libertà fino a Piazza Matteotti, tornando indietro da Via dei Mille, Via Genova, Via F.lli Viziano, Via Leonardo da Vinci, quindi si procederà per Viale Martiri della Foce fino all'Ospedale Santa Maria di Misericordia, dove il corteo si trasformerà in un grande “abbraccio” alla struttura ospedaliera. Con i ringraziamenti finali, ed un lungo applauso da parte di tutti i partecipanti, terminerà la manifestazione.

Concerto al Principato di Seborga

L'appuntamento è il 12 Agosto 2012 alle 21.15 nel Principato di Seborga in Piazzetta S.Martino con il Concerto de “I Solisti dell’Orchestra da Camera Principato di Seborga”
www.orchestraprincipatodiseborga.com
Omaggio a Walt Disney nell’ 80° Il primo cartone animato a colori
Silly Symphony, Flowers and Trees 1932
Esecutori: Maria Cristina Noris : clarinetto
Fabio Checchi: trombone
Giancarlo Bacchi: contrabbasso
Massimo Dal Prà: pianoforte
Vitaliano Gallo: direttore / polistrumentista
Durante la serata verrà conferito all’attore Renzo Ozzano (foto)
Il “Premio alla Carriera” nel 40° del suo primo film:
Torino nera di Carlo Lizzani 1972
(Seguirà dopo il concerto la visita al museo dei strumenti musicali)

Un grande arrivo a Sanremo! Andrea Dub sarà al Silk mercoledì sera

Appuntamento con la migliore musica elettronica del momento.
L’evento è organizzato da Pleasure Group.
Metti una serata al Silk, l'universo by-night più “in” dell’estate sanremese, dove le notti sono lunghe e frizzanti.
A questo aggiungi la presenza del giovane Andrea Dub che, ad appena diciotto anni, è corteggiato da una delle più importanti cantanti della scena elettronica statunitense, Tara Mcdonald, e ha già al suo attivo un contatto con Cr2, una grande casa discografica di musica elettronica che gli ha comprato un singolo distribuendolo su scala mondiale.
Ecco gli ingredienti che daranno vita, mercoledì 1 agosto, ad un evento d’eccezione per Sanremo e per tutta la nostra Riviera: lo “schiuma party” del Silk che avrà come protagonista proprio Andrea Dub.
Un grande arrivo per la nostra città, che si prepara così ad accogliere un giovane talento.
Andrea, infatti, ha appena 18 anni, è di Torino e suona nel suo piccolo studio (camera sua) da quando ne ha 12. Proprio quest'anno ha cominciato ad ottenere risultati: i suoi pezzi vengono suonati dai più grandi dj al mondo.
Si è esibito diverse volte in locali della Riviera e la sua traccia d'eccellenza è Strobe, composta insieme al dj tedesco Micha Moor che vanta centinaia di miglia di visualizzazioni si Youtube.
Andrea sta scalando le classifiche di vendita su Beatport entrando più vote nella TOP 50.
E' in gara per la candidatura nei top 100 dj al mondo, classifica stilata dalla più autorevole rivista in ambito musica e locali: DJ MAG.
Lo staff organizzatore della serata Pleasure Group di Francesco Scalarandis propone quindi un appuntamento da non perdere, dove l’incantesimo della location che si affaccia direttamente sul mare si sposa alla migliore offerta della musica elettronica del momento.

Catania : pescava in zona non consentita​, multato dalla Guardia Costiera

Esercitava la pesca subacquea in zona non consentita, precisamente in prossimita delle ostruzioni dello scalo marittimo catanese.
Per questo motivo ad un ventiseienne pescatore subacqueo è stata contestata la relativa violazione ed elevata una sanzione amministrativa di 1.000 euro, da parte dell'equipaggio della Motovedetta CP555 della Guardia Costiera, impegnato nei consueti controlli di polizia marittima, particolarmente intensificati durante il fine settimana.
E' accaduto poco prima delle 13 di domenica 29 ed il pescatore, che operava in apnea senza l'ausilio di particolari attrezzature, si è visto sequestrare anche venti chilogrammi circa di mitili.
L'attività di vigilanza e controllo della Guardia Costiera continuerà anche nei prossimi giorni, nell'ambito dell'operazione "Mare Sicuro", finalizzata a prevenire incidenti ed a tutela e salvaguardia della vita umana in mare.

Altre palme infettate nei giardini di Palazzo Bellevue dal Punteruolo Rosso


Nei giardini di Palazzo Bellevue altre palme sono state colpite dal famigerato punteruolo rosso. Ed ecco i giardinieri del Comune intervenire ma senza abbatterle, infatti, ne sono state individuate altre quattro.
La strada che porta in Comune è stata circoscritta al traffico per premettere il procedimento dei lavori. Una squadra di operai ha provveduto alla messa in sicurezza delle palme. Oltre al servizio giardini, hanno preso parte alle operazioni il servizio fitosanitario e la cooperativa Il Cammino, che ha fornito le apparecchiature necessarie. Tutte le grosse foglie delle palme sono state bio-triturate, seguendo le inflessibile norme imposte dal protocollo. Il punteruolo rosso, l’insetto che sta devastando le palme di tutto il mondo, non da tregua ed il alcune città non viene più nemmeno cotrastato. L'insetto, che è arrivato in Italia nel 2004, fa crescere le sue larve all’interno delle palme causandone la morte e ogni giorno miete le sue vittime, e nella città dei fiori, sono centinaia le palme già abbattute poiché infettate da coleottero killer.

domenica, luglio 29, 2012

A.N.P.I.ALBENGA IN DIFESA DELL’OSPEDALE DI ALBENGA

Anche l’A.N.P.I. diAlbenga, sezione “Roberto Di Ferro”, vuole aderire attivamente alla manifestazione prevista per martedì 31 luglio in difesa dell’OspedaleSanta Maria Misericordia, insieme alle tante associazioni cittadine cheintendono partecipare per sostenere un presidio fondamentale per tutta lacomunità comprensoriale.
Il nuovo ospedale di Albenga, infatti, oltre ad essere un plesso moderno, è fondamentale non solo per la comunità ingauna, ma anche per tutto il comprensorio, da Andora a Ceriale per arrivare a tutte le vallate dell’entroterra, che vedono soprattutto nel pronto soccorso il simbolo concreto per la gestione e la salvaguardia della propria salute, bene fondamentale tutelato dalla nostra Costituzione.
Per questo, tutto ildirettivo della sezione albenganese chiede alla Regione Liguria, al suopresidente Claudio Burlando, e all’assessore alla sanità ClaudioMontaldo, di rivedere le proprie scelte, potenziando e non azzerando i servizidel nuovo ospedale Santa Maria di Misericordia, che, dalla sua apertura, è giàstato ingiustamente ridimensionato, affinché i cittadini non si sentano abbandonati nei propri diritti.

Domani ad Art in The Casbah, gli Ottimo Massimo con Paolo Maffi

Art in the Casbah domani, lunedì 30 luglio, sposa il jazz.
Nelle terrazze di San Costanzo (start ore 22.00), scenario della rassegna che precede Rock in the Casbah, si esibirà un quintetto composto da musicisti del fertile humus jazzistico cittadino composto da Andrea Dema Demartini (sax), Lorenzo Hernutt (chitarra), Alberto Micchichè (basso), Davide Fusi (tastiere), Enzo Cioffi (batteria) arricchito nella circostanza dal virtuoso sassofonista genovese Paolo Maffi. Si tratta quasi di un anteprima per questio progetto. La formazione ha iniziato il suo percorso da alcuni mesi fondendo diversi linguaggi: da una base principalmente jazz sviluppa divagazioni e contaminazioni in ambiti soul, reggae, con accenni di rock progressivo anni ’70 e funky. La loro performance procede come una sorta di suite senza interruzioni, che percorre la rielaborazione di standard e di pezzi noti del repertorio jazz internazionale proponenendo anche brani originali del gruppo, composti soprattutto da Andrea De Martini.
Nella seconda parte dell’esibizione gli Ottimo Massimo affiancheranno il talentuoso sassofonista Paolo Maffi, guest della formazione in questa circostanza che poterà il suo prezioso contributo creativo.
Il momento live sarà precedduto dalle selezioni di Radio Mandrake, dj resident della rassegna.
Funzionerà, come sempre, servizio bar.

Ritorna uno degli eventi più attesi della provincia d'Imperia, il festival internazionale del cortometraggio Filmcaravan

Ritorna uno degli eventi più attesi della provincia d'Imperia, il festival internazionale del cortometraggio Filmcaravan che si svolgerà quest’anno tra il 31 luglio e il 4 Agosto fra il Parasio di Imperia, Cervo, Diano Castello, Cipressa e Villa Grock.
The Dreamers di Borgo Foce, conferma la sua collaborazione e sostegno agli eventi culturali del territorio, ospitando l'aperitivo inaugurale del festival, martedì dalle 18.30, con un dj set a sorpresa, con un'ospite dalla Francia a cura da Film Caravan.
La serata d’apertura, Martedì 31 Luglio alle 21.30 , in collaborazione con il Circolo Parasio si terrà sulla Piazza di Santa Chiara al Parasio, il suggestivo centro storico di Porto Maurizio. Durante questa serata saranno presentati due cortometraggi documentari ed un mediometraggio: Voyage en Sol Majeur di Georgi Lazarevski (Francia, 2006 – premio del pubblico al festival di Lisbona), il diario filmato di un regista che accompagna il nonno novantenne e musicista in un viaggio in Marocco che aveva meticolosamente progettato per tutta una vita ma che non aveva mai fatto a causa dell’ostinata reticenza della moglie a qualsiasi tipo di spostamento. Una vivace e profonda meditazione sull’amore, la vita e la musica, non priva d’ironia.
Come l’anno scorso, le tre serate dedicate alla competizione cortometraggi si svolgeranno nelle bellissime piazze di Cervo(mercoledì 1 agosto), di Diano Castello (il 2) e di Cipressa (il tre). Proiezioni speciali avranno luogo inoltre tutti giorni alle ore 17 presso Lo Spazio Vuoto di Via Bonfante e comprenderanno, tra le altre cose, una selezione di corti prodotti nell’ambito del Monfilmfest - Casalborgone ed una retrospettiva dedicata al regista francese Christophe Le Masne, (autore di Annie de Francia, già premiato nella 2° edizione di Filmcaravan).
La giornata conclusiva, sabato 4 agosto, inizierà alle ore 11 sulla terrazza del bar I Sognatori I alla foce di Porto Maurizio con l’incontro con i registi e proseguirà come di consueto nel parco di Villa Grock alle 19.30 con il rinfresco, seguito dalla premiazione e dalla proiezione di una selezione competitiva di filmati realizzati con la nuova cinepresa analogica Lomokino.
La serata si concluderà con il lungometraggio Alamar di Pedro Gonzalez Rubio (Messico 2010 – Tiger Award al Festival di Rotterdam), la storia di Natan, figlio dell’unione effimera tra una donna italiana ed un pescatore messicano. Dopo la separazione dei genitori Natan, dieci anni, va a vivere in Italia con la madre ed il film racconta l’estate che precede questa separazione, che il bambino passa con suo padre e suo nonno pescando nella natia barriera corallina. Il ritratto di un momento di condivisione quasi edenico seppure pieno di nostalgia, servito da una stupefacente ed elegante fotografia.
Il festival è patrocinato dalla regione Liguria, dalla provincia di Imperia, dai comuni di Imperia, Cervo, Diano Castello eCipressa ed ha quest’anno ricevuto l’alto patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO per l’alto valore dell’iniziativa volta alla promozione dell’arte cinematografica e alla valorizzazione dei piccoli comuni.
Programma: http://www.filmcaravan.org/index.php/it/edizione-2012/programma-iv

“Ginnasticando … sotto le stelle” a cura della Società Ginnastica Riviera dei Fiori

Martedì 31 luglio 2012, a San Lorenzo al mare, nella zona delle sagre si terrà alle ore 21.00 una importante esibizione sportiva dal titolo “Ginnasticando … sotto le stelle” a cura della Società Ginnastica Riviera dei Fiori.
L’evento rientra nelle serie di iniziative organizzate in questa stagione estiva a San Lorenzo al mare per promuovere e raccogliere fondi a favore di “Abbiamo un sogno”, un progetto nato da alcune famiglie del paese che stanno cercando di organizzare per la prossima primavera un soggiorno di sollievo dalle radiazioni per una ventina bambini tra i 7 e i 10 anni provenienti da Chernobyl.
Siamo una piccola comunità - spiegano le famiglie - ma crediamo che anche grazie a queste manifestazioni potremo riuscire a realizzare questo sogno. Sarà un’esperienza importante per questi piccoli ospiti ma anche per noi e per i nostri bambini che conosceranno nuovi amici e potranno confrontarsi con una realtà diversa da quella a cui sono abituati.
La sera del 31 luglio presso lo stand informativo che sarà animato dall’artista acrobata e giocoliere “Squilibrio” verranno fornite informazioni, distribuiti piccoli gadgets e raccolte offerte a favore del progetto per contribuire alle spese che si dovranno sostenere per organizzare il viaggio dei bambini e che ammontano circa a 400 euro ciascuno.
Con gli spettacoli precedenti gentilmente donati dal Teatro dell’Albero e dalla Coro degli Alpini – precisano gli organizzatori – è stato raccolto il necessario per il viaggio di 4 bambini! Siamo molto contenti e ci auguriamo che anche martedì prossimo e nelle serate che stiamo organizzando per agosto si possano integrare questi fondi in modo da avviare già a settembre il progetto tramite l’Associazione La Rondine (www.larondine.it) che ci seguirà per gli aspetti organizzativi.
Appuntamento dunque a martedì sera, nella zona delle sagre con “Ginnasticando sotto le stelle”. Sarà un’emozionante carrellata di esibizioni che, a ritmo di musica, porterà gli spettatori a scoprire evoluzioni, attrezzi e coreografie di ginnastica ritmica, artistica ed acrobatica. Una sessantina di giovani ginnasti, dai 4 ad oltre i 20 anni, presenteranno infatti esercizi di gruppo, a coppie ed individuali con i diversi livelli tecnici e progressivi gradi di difficoltà che li contraddistinguono. Il momento clou della serata sarà rappresentato da una sorpresa che gli atleti, coordinati con grande esperienza dai loro allenatori, regaleranno al pubblico sul tema degli imminenti giochi olimpici di Londra 2012.
Ringraziamo la Ginnastica Riviera dei Fiori per la sensibilità e la disponibilità con cui da subito ha accolto questa nostra proposta e vi invitiamo numerosi allo spettacolo del 31 luglio a San Lorenzo al mare per trascorrere una serata veramente coinvolgente ed emozionante. Non mancate!
Nel parco dell’asilo saranno a disposizione i giochi gonfiabili per i bambini (ingresso 5 euro, tempo illimitato). Una parte del ricavato della serata verrà donato dai gestori dei giochi al progetto “Abbiamo un sogno”.
Foto, news e prossimi appuntamenti sempre aggiornati su www.facebook/abbiamounsognopersanlorenzoalmare e su Twitter @abbiamounsogno

sabato, luglio 28, 2012

Le foto della mostra-mercato "adottiamo una piazza" a Sanremo


Anche oggi si è svolta nella Pigna di Sanremo l'iniziativa, che ha già raccolto un notevole successo, denominata "Adottiamo una piazza". Si tratta dell'evento promosso dal Comitato di Quartiere "Perchè la Pigna è Sanremo". In piazza quindi hanno fatto bella mostra di se' con i loro prodotti, circa quindici bancarelle che hanno animato la presenza dei turisti e cittadini sanremesi in visita in piazza Cassini, ai piedi delle porte della città vecchia. Quindi spazio ai ricami, bigiotteria, e agli oggetti artistici, d'abbigliamento, prodotti per la casa e giardinaggio. Il Comitato di quartiere con queste iniziative vuole dare voce al centro storico matuziano, e inserirsi in un contesto più sentito, ad esempio la sicurezza della zona, contro il degrado in cui versa, e per ridare vita al borgo antico. La manifestazione che è un omaggio all'artigianato si è protratta per tutta la giornata. L'evento che sarà ripetuto il penultimo e ultimo sabato del mese di agosto, ha come obbiettivo quello di far rivivere la "città vecchia" usufruendo delle piazze storiche collocate a pochissimi metri dal centro cittadino.

Continua incessante l’azione quotidiana di contrasto al fenomeno della vendita illegale di merce contraffatta e griffes false ad opera della P.S.

Continua incessante l’azione quotidiana di contrasto al fenomeno della vendita illegale di merce contraffatta e griffes false ad opera della Polizia di Sanremo.
Tra ieri pomeriggio e questa mattina i controlli, tuttora in corso, hanno portato al sequestro di circa altri 500 pezzi di merce falsificata tra orologi, borse, abbigliamento e pelletteria.
Questa azione ha sortito già l’apprezzamento da parte di diversi esercenti della zona di San Siro che qualche settimana avevano inoltrato alle autorità un esposto per questa problematica.
Durante un controllo di ieri effettuato in Via Corradi un senegalese 28 enne, scagliandosi contro una pattuglia congiunta di Polizia e Vigili Urbani ha preso a pugni due operatori cercando, poi, di darsi alla fuga.
E’ stato comunque bloccato ed arrestato per violenza a Pubblico Ufficiale.
Il processo, tenutosi questa mattina, ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la pena di 9 mesi di reclusione.
I servizi di contrasto proseguiranno quotidianamente per tutta la stagione sanzionando, però, non soltanto i venditori di merce falsa ma anche chi, comprandola, favorisce questo fenomeno.
Proprio per questo, stamani, una francese è stata segnalata per l’acquisto di un borsello e sarà sanzionata secondo quanto previsto dalla legge.

Proroga della chiusura della mostra 89°Reggimento Fanteria Salerno Divisione Cosseria...

Proroga della chiusura della mostra 89°Reggimento Fanteria Salerno Divisione Cosseria Esposizione di fotografie - lettere - cimeli – medaglie - divise - documenti "per non dimenticare"
Dato il grande successo di pubblico e le numerose richieste, la mostra dedicata all'89° Reggimento Fanteria Salerno, in corso nella sala “Emilio Azaretti” del Museo Civico Archeologico “G. Rossi” diVentimiglia, la cui chiusura era prevista per sabato 28 luglio,rimarrà aperta fino a sabato 18 agosto p.v.
L'esposizione,organizzata dal Comitato 89° Fanteria in collaborazione con la Città di Ventimiglia e la Sezione Intemelia dell'Istituto Internazionale di Studi Liguri, presenta al pubblico documenti, lettere personali e ufficiali, cimeli, divise e medaglie, ma soprattutto una grande collezione di foto d’epoca che permettono di percorrere la storia del reggimento da quando, in tempo di pace, negli anni trenta era a Ventimiglia nelle caserme Umberto I (attuale sede del Museo),Gallardi, Bligny, Trossarelli e Vittorio Emanuele III, fino aigiorni della tragica ritirata dalla Russia.
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 18 agosto p.v. coiseguenti orari:
martedì,mercoledì e giovedì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 17.00 venerdì e domenica dalle 21.00 alle 23.00sabato dalle 9.00 alle 12.30 chiuso il lunedì.

Martedì 31 luglio a Bussana di Sanremo si presenta il libro “Dolce non è” di Renato Bergonzi

Mercoledì 31 luglio alle ore 21 a Bussana di Sanremo (Im) presso il Dopolavoro, Piazza del Comune, si presenta il libro “Dolce non è” di Renato Bergonzi edito da Giovane Holden Edizioni. Un romanzo di formazione, un ritratto corale di ciò che eravamo negli anni Sessanta, quando la vita di un paese di provincia si destava a poco a poco al richiamo delle prime invenzioni tecnologiche alla portata di tutti e di un benessere economico finalmente tangibile. Un ragazzino della riviera ligure sperimenta questa vera e propria rivoluzione, tra incredibili sorprese e nuovi malesseri interiori, che nessuno sembra in grado di capire né di curare. Relatore Rodolfo Bosio, Segretario Generale Fondazione CARIGE, già caporedattore de Il Sole-24 ore. Sarà presente l'autore. Ingresso libero.
In un piccolo paese della riviera ligure di ponente, un ragazzino abbandona la dolce età dei calzoncini corti per addentrarsi fiducioso nella difficile età della ragione. Ma non sono anni facili, quelli che lo traghettano nella tanto agognata adolescenza: l’Italia si desta appena dal suo antico torpore per far capolino nel vorticoso decennio del boom economico.
La vicenda si dipana dal 1958 al 1968, dalle accoglienti certezze dell’infanzia nel borgo alle avventure “in città” da giovane uomo in caccia di ragazze e ricordi importanti. Lo stupore della prima TV e le memorabili serate di fronte a “Carosello” o “Studio1” lasciano presto spazio a un sentimento nuovo e sconosciuto, un languore indefinibile, il presagio di un cambio radicale che migliora la vita di tutti i giorni, ma sconquassa equilibri ancestrali e nessuno è in grado di spiegarlo, né di aiutare i più impreparati ad affrontarlo. “Dolce non è,” e non si può definire altrimenti.
Un romanzo di formazione e un ritratto corale di uno dei periodi più incredibili del nostro Paese. Lo stile fresco e brioso conferisce una patina di dolce malinconia a un mondo che non è più, ma che rivive autentico nelle parole di Renato Bergonzi.
Renato Bergonzi nasce a Sanremo nel 1952. Dopo la laurea in Sociologia lavora nel campo socio-sanitario presso enti pubblici e cooperative sociali. Attualmente è Dirigente presso il Comune di Sanremo. Nel 2008 ha pubblicato la sua prima opera “Nulla Sanno”, Chinaski Edizioni. Il libro è stato presentato presso L’Istituto Italiano di Cultura dell’Università di Heidelberg in una relazione dal titolo: “Giovani, periferie e modelli di comunicazione”. Un suo racconto, “La luce su in paese”, è pubblicato nell’antologia dedicata a Fabrizio De André: “La rabbia, l’amore e le nuvole senza tempo”, per Damster Editore.

venerdì, luglio 27, 2012

"Adottiamo una piazza" torna domani sabato 28 luglio...

Domani sabato 28 luglio 2012 ritorna nella Pigna di Sanremo l'iniziativa, che ha già raccolto un notevole successo, denominata "Adottiamo una piazza". Si tratta dell'evento promosso dal Comitato di Quartiere "Perchè la Pigna è Sanremo". In piazza quindi faranno bella mostra di sè con i loro prodotti, circa quindici bancarelle che animeranno la presenza dei turisti e cittadini sanremesi che vorranno esserci in piazza Cassini, ai piedi delle porte della città vecchia. La manifestazione è un omaggio all'artigianato e si protrae per tutta la giornata. L'evento che sarà ripetuto il penultimo e ultimo sabato del mese di agosto, ha come obbiettivo quello di far rivivere la "città vecchia" usufruendo delle piazze storiche collocate a pochissimi metri dal centro cittadino.

A fine estate la demolizione del ponte San Martino a Sanremo

Nei prossimi mesi sarà smantellato il ponte alla foce del torrente San Martino, a Sanremo. Ora che sono stati reperiti i fondi si andrà a mettere in sicurezza la zona che, tredici anni fa, subì ingenti danni a seguito dell’alluvione. Il pilone della struttura contribuì all'esondazione del rio nel 1998, provocando seri danni: avrebbe creato un occlusione di detriti. Con lo sblocco dei fondi, grazie all’inserimento di Sanremo tra i Comuni virtuosi, l’amministrazione può procedere all'intervento. Il costo della demolizione con il trasporto delle macerie si aggira intorno ai 40 mila euro, e graverà non poco sulle casse comunali. L’assessore ai lavori pubblici, Umberto Bellini, ha annunciato che si procederà a realizzare una passerella pedonale poco pesante, e in legno. Un' ordinanza del Tribunale aveva comandato l' abbattimento consentendo nello stesso tempo di mettere in sicurezza la zona, dopo che gli abitanti di via Ansaldi avevano presentato un esposto a Palazzo di Giustizia ed i periti poi avevano appurato delle anomalie in rapporto proprio al pilastro del ponte pedonale che è utilizzato per raggiungere la spiaggia di San Martino. Ora con lo sblocco dei fondi il Comune potrà indire la gara d'appalto ed i lavori probabilmente inizieranno nel mese di ottobre.

SPENDING REVIEW: TASSE ATENEI, FINO +100% A FUORI CORSO

Il Codacons, che in linea di principio non si oppone ad una tassa sugli studenti fuori corso, chiede però che la stessa sia fatta valere solo a partire dall’anno accademico 2012/2013, ossia solo per chi oggi si iscrive all’università, e quindi per i futuri studenti fuori corso.
“Se il provvedimento colpisse chi è già fuori corso, perché magari lavora per mantenersi gli studi o semplicemente per scelta, si tramuterebbe in una stangata ingiusta a danno degli studenti e delle loro famiglie – spiega il Presidente Carlo Rienzi – L’introduzione di questa tassa a carico dei fuori corso futuri, permetterebbe agli universitari di organizzarsi e di scegliere consapevolmente il proprio percorso di studi. Inoltre devono essere eseguiti controlli sui redditi dichiarati, per evitare che chi ha di più paghi allo stesso modo di chi ha meno”.

I Pappazzum aprono Art in the Casbah

E’ il primo evento di un contenitore ricco, aperto a varie espressioni artistiche e generi musicali, quest’anno interamente dedicato alle esibizioni di musica live, che ha sempre saputo garantire fin dall’inizio un’ ottima riuscita favorendo la fruibilità della Pigna in un più lungo lasso di giorni. Sfondo unico delle serate infatti, lo straordinario palcoscenico naturale delle terrazze di San Costanzo.
E’ qui che si sfideranno a colpi di note, realtà musicali molto varie nella consueta atmosfera speciale, destinata ad accendersi fin dalle prime serate e a culminare nell’ happening conclusivo del festival, sabato 4 agosto che vedrà quest’anno l’ imperdibile fenomeno rock made in Italy degli Zen Circus.
Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero, in linea con lo spirito della rassegna, che da tredici anni ormai si pone nell’ottica di valorizzare il centro storico vivo e pulsante, aperto alla contaminazione artistica ed alla presenza di giovani, offrendo un’immagine “altra” della città del Festival e del Casinò e un segnale forte di aggregazione sotto un unico linguaggio, quello dell’ arte. Tutte le serate saranno accompagnate alla consolle da Radio Mandrake (alias Simone Parisi), dj ufficiale e voce ufficiale della rassegna di Art e Rock in The Casbah e dalla Visual art di Danilo Bestagno per Zero Academy.

LOANO: BALLETTO DI TORINO - SERATA POP lunedì 30 luglio

Lunedì 30 luglio, a Loano, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, alle ore 21.00, si svolgerà il secondo appuntamento della rassegna di balletto, promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dalla I.So. Theatre con la direzione artistica di Luca Malvicini.
Protagonista della serata sarà il Balletto di Torino, diretto da Loredana Furno, con “Serata Pop!”, spettacolo che riunisce due coreografie: “In Mozart” con musiche di Michael Nyman (da Drowning by Numbers) e “Free Chocolate Love”, un tributo a Andy Warhol Mito della POP Art su musiche di David Shea e Scanner, il tutto coreografato da Matteo Levaggi.
Matteo Levaggi crea nel 2005 Drowning by Numbers per il Balletto dell’Arena di Verona, su musiche eseguite dal vivo di Michael Nyman. Riprende oggi il balletto riadattandolo agli straordinari danzatori del Balletto Teatro di Torino.
La Michael Nyman Band debutta al National Theatre di Londra, eseguendo il famoso brano In Re Don Giovanni, in cui le prime 16 battute dall'Aria del Don Giovanni venivano smontate e riassemblate in una originale combinazione di musica classica occidentale, rock'n'roll e minimalismo. Da allora Nyman ha fatto spesso riferimento a Mozart nelle sue colonne sonore e nelle sue composizioni.
Il primo è proprio quello della colonna sonora del film Drowning by Numbers di Peter Greenaway, una "esplorazione" delle qualità ritmiche, melodiche e armoniche che Nyman trovò così misteriosamente attraenti nel lento movimento della Sinfonia Concertante per violino e viola di Mozart. Ne nasce un pezzo musicale esplosivo, ricco di suoni e suggestioni, in cui far immergere una danza ben ancorata al vocabolario classico, come del resto è qui la musica, ma attraversata da un grande sentire contemporaneo.
La seconda parte della serata riprende in una nuova forma, il primo lavoro coreografico di Levaggi per ensemble, ispirato al mito della Pop Art, Andy Warhol.
Free Chocolate Love, sulla trascinante e ipnotica musica dell’americano David Shea e dell’inglese Scanner, immerge in un mondo colorato, in cui i danzatori si mettono in mostra, si scambiano i ruoli, trascinando il pubblico in un vortice di danza e musica elettronica per giovani amanti (come gli autori stessi la definiscono) e un mondo Glamour. Pop, Star, Pose, Love, Smootchy, Andy, Karole and me!
Sulla scena danzeranno: Kristin Furnes, Manuela Maugeri, Viola Scaglione, Denis Bruno, Giuseppe Inga, Vito Pansini.
Lo spettacolo è co-prodotto da Lavanderia a Vapore di Collegno.

Sequestro di merce contraffatta in località Sant'Anna Diano Marina

Quest'oggi, alle ore 11 circa, il personale dell’Ufficio Locale Marittimo di Diano Marina, coordinato dal 1° M.llo Np Damiano GUERRINI, durante un normale giro di perlustrazione del litorale di ponente di Diano Marina, in località Sant’Anna notavano un cittadino presumibilmente extracomunitario con un grosso sacco contenente all’interno materiale presumibilmente contraffatto. Vedendosi intimare alt per un normale controllo cominciava a scappare in verso la fine di Viale Torino, abbandonando il sacco sulla strada riuscendo a dileguarsi sull’Aurelia. All’interno vi erano 3 giubbotti, 1 orologio, 2 borse e 2 portafogli presumibilmente contraffatti delle più famose marche.

TREDICESIM​A SERATA DEL PESTO - 28 LUGLIO

Tredicesima Serata del Pesto, concorso tra produttori e ristoratori di Finale Ligure, sabato 28 luglio, alle ore 21, in piazza Abbazia a Finalpia. L'iniziativa è promossa dall'associazione I Garosci de Pia con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Confraternita del Pesto di Genova.
Saranno premiati il primo classificato della categoria ristoratori e il primo classificato della categoria produttori. A tutti i partecipanti sarà consegnato un attestato e un piatto-ricordo in ceramica realizzato dai Figuli del Borgo. Presenti i rappresentanti della Valle Arroscia, con l'aglio biologico di Vessalico, presidio Slow Food, le aziende agricole Villa Crosa e Chiara Canepa di Finale, con il loro basilico ligure, e l'azienda vitivinicola Il Saulino di Novi Ligure, produttrice del vino Docg Gavi di Gavi.
L'intrattenimento musicale sarà a cura di Anna Marino. A tutti i presenti sarà offerto un piatto di trenette alla ligure.

YEPP: FESTIVAL MUSICALE “CONTAGI”

Cresce l’attesa per il festival musicale Contagi, che si svolgerà questo fine settimana sul Lungomare Colombo, organizzato dal gruppo Yepp Albenga in collaborazione con l’Assessorato alle politiche giovanili, la Cooperativa Jobel, le Associazioni culturali Zoo e Governo Ombra e lo Studio di progettazione Quattromani.
Nella sera di Sabato 28, dedicata alle cover, si esibiranno gli Highwaves, per la prima volta con un repertorio ispirato alla tradizione del Jazz, poi Quei figli di Blues, Ensemble numeroso e specializzato nelle sonorità mutuate da New Orleans, e infine i No More MADDES con il loro tributo al grande rock classico.
Nella sera di Domenica 29, dedicata agli inediti, in apertura si ascolteranno i ParkAssist, reduci dai successi di Up'n'Coming YEPP Loano e Balla coi Cinghiali 2011, i Libertad, già vincitori di SanremoRock, e Davide Geddo, cantautore ingauno che per l'occasione si esibirà in acustico.
Durante le due serate, oltre alla musica, diversi momenti saranno dedicati alla storia di YEPP Albenga attraverso la proiezione di filmati che ne riepiloghino l'attività svolta. Inoltre sarà operativo uno stand informativo dalle 18.00 in poi per far conoscere la realtà YEPP sul territorio ingauno.
Presenterà le serate “Charlie”, voce di Radio Onda Ligure, ma sopratutto affezionata collaboratrice del gruppo YEPP.

PERCORSI SONORI: DANZA CONTEMPORA​NEA CON IL BALLETTO DI LIGURIA - 31 LUGLIO

“La Sagra della Primavera” - Spettacolo di danza contemporanea
Anche quest’anno “Percorsi Sonori”, la stagione musicale della città di Finale ligure, riserva uno spazio particolare alla danza contemporanea con tre spettacoli in cartellone. Il secondo appuntamento è quello di martedì 31 luglio alle ore 21,30 presso i Chiostri di Santa Caterina a Finalborgo, con il “Balletto di Liguria” guidato dal coreografo Carlo Torre e composto da Maura Nascioli, Erika Guglieri, Daiga Bondare, Alessio Cattaneo, Lorenzo Morrone, Davide Venier. Si tratta della seconda esibizione a Finale Ligure del corpo di ballo genovese che l’anno scorso aveva interpretato i Carmina Burana di Carl Orff e che quest’anno sarà impegnato in un’altra pagina capitale della musica e della danza del Novecento:la Sagra della primavera di Igor Strawinskij.
Il balletto mette in scena un rituale pagano dove una fanciulla veniva scelta per ballare fino alla morte, lo scopo era quello di ingraziarsi gli dei. Si tratta di uno spettacolo di forte energia ed impatto, in quanto il rituale vuole rappresentare in modo del tutto allegorico l’anima di ogni uomo che in base alla sua necessità si trasforma diventando buono o cattivo. Il tutto si svolge con passi concentrici dove la tecnica si unisce all’espressione. La musica di Stravinskij, con il suo ritmo incalzante ed ossessivo si adatta perfettamente ai turbamenti più profondi e nascosti dell’essere umano. Anche se la prima volta che fu eseguita a Parigi il 29 maggio 1913 con i famosi Balletti Russi di Sergej Diaghilev sollevò un grande scandalo per la sua modernità, la ritmica ossessiva e sconvolgente e le sonorità innovative (si trattò di uno dei più clamorosi “fiaschi” della storia della musica) subito dopo, ed oggi a maggior ragione, la Sagra della primavera è considerata una delle pagine più alte del Novecento e uno dei più grandi capolavori musicali di sempre.
Ingresso: intero euro 12, ridotto 10, Ufficio Cultura e Turismo Comune di Finale Ligure, via Ghiglieri 1 - Finalmarina - Tel. 019/6816004 - ufficioturismo@comunefinaleligure.it

MES come proMES! di Maurizio Donte

MOLTO BREVEMENTE.
UNO SCHEMA CHE CHIARISCA UNA VOLTA PER TUTTE.

-Le responsabili dell'attuale sfasciume economico sono le Banche.
Tutto è cominciato con LEMAN'S Brothers (and others). Una banca (americana) dichiarata solidissima e solvibilissima da MOODY'S....Il giorno dopo, Leman's e i suoi fratelli erano in bancarotta e gli impiegati sciamavano in strada storditi e stupefatti i loro uffici con in mano degli scatoloni di cartone, contenenti i loro effetti personali.
Perchè è successo?
Semplice, dette banche avevano prestato soldi per mutui immobiliari, creando dei fondi basati sull'IPOTESI del remunerativo rientro dei prestiti erogati. (I famosi derivati). Peccato che la crisi innescata in modo strisciante dall'attentato alle torri gemelle del 2001, abbia alla lunga colpito i sottoscrittori dei mutui che hanno perso il lavoro ( e la casa, tornata in proprietà delle banche, ma de facto, invendibile). Di qui il tracollo.
I titoli tossici, cioè i derivati, sono stati acquistati in larga parte dal Governo degli Stati Uniti, che a sua volta si tolse dalla pancia analoghi titoli europei, rovesciandoci la "frittata" addosso. Complici del governo USA furono quelle buone lane di MOODY'S, STANDARD and POORS e FICTH, cosiddette agenzie di Rating, ovvero agenzie che rilevano lo stato di salute degli Stati e delle loro Economie, dando loro dei "voti" in base ai quali i mercati si regolano. Peccato che queste tre "SORELLE" non siano arbitri imparziali, ma agenti attivi nella speculazione economica che si sta abbattendo sul vecchio continente.
Conseguenze in estrema sintesi:
Crisi economica, innalzamento delle tasse per coprire i debiti creati per pagare l'interesse sul (!) debito pubblico. Il debito non scende, anzi, sale...perchè si crea disoccupazione, le fabbriche chiudono, i giovani non trovano lavoro (non fanno figli), la popolazione attiva (quella che "crea" ricchezza) cala di numero e l'economia si incarta.
A questo punto cosa si inventano i nostri governanti? Il FONDO SALVA STATI (MES). Cos'è?
Un fondo (gestito dalle banche!) cui ogni paese membro, dovrà corrispondere un sacco di miliardi di euro per finanziarlo. Scopo? Aiutare gli stati membri nei momenti di crisi...si, buonanotte! A che prezzo? Ulteriori debiti, emissione di titoli di stato, pesantissime ingerenze nelle politiche economiche degli stati debitori. Traducendo in soldoni, licenziamenti nel pubblico impiego, ancora! più tasse, taglio delle pensioni, della sanità, dei servizi, ancora più crisi per le fasce deboli, insomma.
Insomma per pagare un debito, se ne fa un altro (ENORME). No, non ci siamo, così non è possibile andare avanti e tutto per cosa?
Ve lo dico io. AVIDITA'. Chi è ricco lo vuole diventare sempre di più. Basta a questo sistema assurdo, colpevole di tanti suicidi, di tanta sofferenza e di tanta ingiustizia. Alla fine di atti simili la storia ha risposto con le rivoluzioni, altra sofferenza, miseria prevaricazioni, morte.
Lo diceva già Qualcuno duemila anni fa: "A CHE SERVE ALL'UOMO, GUADAGNARE IL MONDO, SE POI, PERDE SE STESSO?"
Meditate e ditemi che ne pensate.
Maurizio Donte